Alternanza scuola-lavoro, l’ultima campanella

L’ultima campanella. Avviata lo scorso 17 maggio, è terminata per gli studenti della quarta classe dell’indirizzo Arti figurative della sede di Taranto del liceo artistico “Calò” la partecipazione al progetto di Alternanza scuola-lavoro realizzato con il Crest, inserito nel percorso di formazione in drammaturgia dello spazio “Taranto, un museo a cielo aperto” e condotto dagli esperti di settore Paolo Baroni e Marco Guarrera. Tema dell’esperienza formativa lo sviluppo di un progetto collettivo sul tema “portiamo il museo fuori, nella città”, la costruzione di una “macchina scenografica interattiva” e l’installazione della “macchina” in un luogo dell’antica isola tarantina. Nelle intenzioni, una proposta capace di integrare il protagonismo dei ragazzi, le loro idee innovative e fuori dagli schemi, nell’attività del Crest, perché (anche) il teatro non può rinunciare all’energia vitale dei più giovani.
Detto, fatto. I ragazzi, una ventina (docente tutor Silvia De Vitis), hanno vissuto con entusiasmo i diversi momenti del percorso, entrando in un mondo come il teatro che racconta il nostro tempo in un modo del tutto originale. Scuola e lavoro, scuola e teatro, un connubio sorprendente. E, mutuando il pensiero di Carmelo Grassi (presidente del Teatro Pubblico Pugliese), “il teatro ha bisogno di uno sguardo nuovo, di linfa giovane, e l’alternanza offre una opportunità importante. Il progetto, se da una parte accosta i ragazzi al lavoro, dall’altra costituisce per il teatro un prezioso strumento di promozione”. Invero, l’offerta formativa del Crest non è conclusa, rinviando a settembre l’installazione della “macchina scenografica interattiva”, progettata e costruita negli spazi teatrali del TaTÀ utilizzando per lo più materiali di recupero, in una location dell’Isola che verrà ufficializzata alla riapertura del nuovo anno scolastico, per dar modo agli studenti del liceo artistico “Calò” (dirigente scolastico Brigida Sforza) di presenziare all’evento clou.

Il percorso di formazione in drammaturgia dello spazio “Taranto, un museo a cielo aperto” è parte di “Heroes”, progetto artistico triennale 2017/19 di Crest e associazione culturale “Tra il dire e il fare” (Ruvo di Puglia, Bari) in ATS, in ordine all’avviso pubblico per iniziative progettuali riguardanti lo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche – Patto per la Puglia – FSC 2014/2020 – Area di intervento “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”.

photo © Carla Molinari