Crest-Comune di Taranto, firmata convenzione triennale

Considerato che il Comune di Taranto intende promuovere e valorizzare la cultura teatrale, in quanto fonte espressiva idonea a favorire attraverso la cultura lo sviluppo del territorio, anche in termini turistici, e che il Crest è in grado di offrire rappresentazioni artistiche uniche idonee a contribuire alla realizzazione delle finalità strategiche dell’amministrazione comunale, il 21 giugno è stata firmata una convenzione della durata di tre anni decorrenti dalla data di sottoscrizione.

Il primo luglio, al Salone degli Specchi di Palazzo di Città, Fabiano Marti, assessore comunale alla cultura, Clara Cottino e Giovanni Guarino, presidente e vicepresidente della cooperativa teatrale, hanno presentato alla stampa la convenzione tra Comune di Taranto e Crest. 

Il teatro ragazzi non poteva essere assente nell’estate della ripartenza, quando promuovere occasioni da vivere insieme, cui partecipare insieme è l’imperativo giusto per assaporare il ritorno ad una possibile normalità fatta anche di fuori-casa, di amici, di cene e spettacoli all’aperto. Dal 21 giugno al 3 agosto, si sviluppa il progetto “in Cortile”, condiviso con l’Assessore alla Cultura del Comune di Taranto, nato con l’obiettivo di porre le periferie al centro e nel contempo i ragazzi. Questi gli obiettivi alla base della convenzione triennale firmata tra il Comune di Taranto e la cooperativa teatrale Crest, nella convinzione della sempre più urgente opportunità di guardare ed accogliere le esigenze della città tutta, provando a stimolare un rapporto reciproco di attenzione e partecipazione tra centro e periferia, in una dimensione di ascolto delle diverse problematiche ed anche delle diverse vocazioni che caratterizzano i territori. Tutti tasselli necessari alla ridefinizione plurale e volitiva della nostra città.
La prima azione comune si concretizza con il progetto “in Cortile” così dettagliato in breve. Nove cortili, sei spettacoli, diciassette date. Dal 21 giugno al 3 agosto, in sette quartieri di Taranto (Salinella, Tamburi, Talsano, Solito-Corvisea, Città Vecchia, Lama, Paolo VI), sette diverse periferie della città nelle quali promuovere attività culturali e di spettacolo, con particolare attenzione a bambini e ragazzi ed alle loro famiglie.
Per la prima volta nella nostra città viene dedicato un così ampio progetto estivo ad una utenza solitamente “nascosta”, le famiglie e i ragazzi che non partono per le vacanze, che vanno al mare solo la domenica, che guardano la tivvù come in inverno… ma dal balcone. Insomma, coloro che sono estranei al pubblico dei teatri e del cinema, ed è a loro che appare utile ed importante rivolgere attenzione e proposte, non sporadicamente bensì metodicamente perché pian piano nascano i germi della partecipazione e dell’interesse, della curiosità e della critica consapevolezza.
Un obiettivo non facile, che perseguiremo durante l’intero anno, promuovendo laboratori oltre agli spettacoli, incrementando i rapporti con le scuole e con le tante e diverse presenze associative che abitano i diversi quartieri, provando a creare manifestazioni e feste condivise. [dalla nota stampa del Crest]