In viaggio con Janet Ross e Alessandro Leogrande

evento > In viaggio con Janet Ross e Alessandro Leogrande

 

  

In viaggio con Janet Ross e Alessandro Leogrande

progetto Polysemi (Park of literary travels in Greece and Magna Graecia)
finanziato dal Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014-2020

 

 
 
 
 
 
 
  
 

mercoledì 29 luglio 2010, ore 20 | TaTÀ di Taranto, in via Deledda ai Tamburi
Crest
IN VIAGGIO
evento conclusivo del workshop teatrale per adulti (over 25 anni) condotto da Sandra Novellino, Delia De Marco e Giuseppe Marzio, con la collaborazione di Leopoldo Calò (musiche), Peppe Frisino (scenografia) e Maria Martinese (costumi), in scena Vito Abbondanza, Tiziana Alzetta, Antonia Balzano, Angela Blasi, Annalisa Cangiulli, Rosanna Di Ponzio, Fiore Flora, Cosima Locritani, Sonia Mariella, Cosimo Masiello, Tiziana Messe, Nunzia Mortato, Marisa Nisi, Maria Pancotto, Valentina Parabita, Maria Pastorelli, Anna Pierri, Rosaria Sangermano, Grazia Vacca

Il viaggio da cui il laboratorio prende le mosse è quello intrapreso in Puglia nel 1884 da Janet Ross, scrittrice e giornalista britannica vissuta a cavallo fra l’Otto e il Novecento. La Ross restò parecchio colpita dalla bellezza e dalle tradizioni della regione, in particolare di Taranto, tanto da scriverci un libro con le sue relazioni di viaggio pubblicato a Londra nel 1889, successivamente tradotto in Italia col titolo “La terra di Manfredi”. Quasi a precorrere il grande Ernesto De Martino, la viaggiatrice inglese ci conduce per mano alla scoperta di una terra allora poco conosciuta e perciò oggetto di diffidenza da parte di chi ne temeva i pericoli (delinquenza e brigantaggio) là dove invece c’era solo da preoccuparsi della “cattiva qualità degli alberghi”.
A partire dal personaggio Janet Ross, dal carattere caparbio e appassionato e, per i suoi tempi, sicuramente precorritrice di un modello di donna indipendente, il gruppo ha lavorato intorno a due nodi tematici forti: il viaggio e le origini. Il viaggio, non soltanto come tragitto ma anche come esperienza di luoghi e di persone, quasi un percorso di formazione e di crescita che si dipana attraverso sempiterne emozioni: il dolore, l’amore, la nostalgia, il rimpianto, la speranza nel futuro. Le origini, intese come radici culturali, importanti, diremmo essenziali in quanto fondative dell’identità di ogni comunità, pur nella loro diversità. Ecco allora, a Taranto, i riti della settimana santa, il disagio femminile sublimato nella frenesia della taranta, il paesaggio e la storia indissolubilmente legati al mito.
La drammaturgia della comunicazione finale, ispirata dal diario di viaggio della Ross, è frutto dell’elaborazione personale dei partecipanti al workshop, giacché “è incredibile come il teatro possa riportare in vita storie così poco conosciute, ma pressoché straordinarie”.

 


 

martedì 4 agosto 2020, ore 20 | TaTÀ di Taranto, in via Deledda ai Tamburi
Crest
… CI SARÀ ALLEGRIA ANCHE IN AGONIA
evento conclusivo del laboratorio per giovani (under 25 anni) diretto da Giovanni Guarino e Nicoletta D’Ignazio, con la collaborazione di Peppe Frisino (scenografia) e Maria Martinese (costumi), in scena Susanna Astone, Annachiara Battista, Lorenzo Duchetti, Mimmo Galeandro, Giusi Greco, Ilaria La Guardia, Sabrina Muzzioli, Erica Patisso, Martina Punzi, Pietro Punzi, Maria Chiara Ranaldi, Federica Zani

Ancora il viaggio come punto di partenza su cui riflettere accompagnati da Herman Hesse (“L’azzurra lontananza”) che sottolinea com’è cambiata nel tempo l’idea del viaggiare. Oggi si viaggia per sfuggire al caldo, per vedere persone nuove, per riposarsi dalle fatiche del lavoro. Sembra non ci sia più luogo sulla terra, paese o isola da cui sentirsi attratti e soprattutto che soddisfi i nostri sogni. Invece, il vero viaggio dovrebbe partire dalla mente, da un pensiero, da un sogno, appunto.
E da una città immaginaria ha inizio il viaggio dei partecipanti del laboratorio, dalla città di Clarice (da “Le città invisibili” di Italo Calvino) si parte per approdare alla scoperta, quella che “fa vedere ogni cosa come necessaria”, di Taranto, intrecciando le tante immagini e i diversi racconti con cui Alessandro Leogrande ha raccontato la sua e la nostra città (“Dalle macerie” e “Fumo sulla città”). Le descrizioni, le invettive, le storie di Leogrande sostengono l’intero viaggio degli allievi del laboratorio che è anche un calarsi nella storia delle fasi di grande trasformazione della città, da capitale magnogreca rinasce città bizantina e cresce e si trasforma modellando il suo affaccio sul Mare Piccolo e la vecchia Isola, che conserva in sé tutta la storia dei tarantini.
Insomma, una città bella, come appare nelle note di viaggiatori autorevoli come Pasolini, almeno fino agli anni ’60, allorché entrano nella sua skyline le ciminiere della più grande industria siderurgica d’Europa. Inizia allora una sorta di discesa agli inferi di Taranto e dei suoi abitanti che, abbacinati dalla nuova agiatezza, perdono via via memoria della loro identità che si sostanziava di storia e di leggenda, di personaggi reali e di sirene. Una identità da riscoprire per tornare ad intrecciare virtuosamente passato e futuro, la critica al presente con i sogni da realizzare. E, probabilmente, “Ci sarà allegria anche in agonia”, per dirla con Fabrizio De Andrè (“La città vecchia”).

 
Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014-2020
Con una dotazione finanziaria di euro 123.176.896, è un programma bilaterale di cooperazione transfrontaliera, co-finanziato dall’Unione Europea attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e dai due stati membri (Italia e Grecia) con una quota nazionale. Ha come obiettivo principale la definizione di una strategia di crescita transfrontaliera tra la Puglia e la Grecia, finalizzata allo sviluppo di un’economia dinamica basata su sistemi smart, sostenibili e inclusivi per migliorare la qualità della vita dei cittadini di queste regioni.
Il Programma finanzia per quasi 900.000 euro il progetto di cooperazione transfrontaliera Polysemi (Park of literary travels of Greece and Magna Graecia). Capofila del progetto è l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” con il Dipartimento di Lettere, lingue, arti, italianistica e culture comparate. I partner di progetto sono il Comune di Taranto lato italiano, mentre sul fronte greco la cooperazione sarà garantita dal Dipartimento di Informatica della Ionian University Research Committee, dal Ministero greco della cultura e dello sport e dalla Regione delle Isole Ionie.
 

 

In viaggio con Janet Ross e Alessandro Leogrande

ingresso libero

  Causa limitazione dei posti per garantire il distanziamento, è obbligatoria la prenotazione ai numeri 099.4725780 – 366.3473430.

 

 

seguici sui social

#teatrocrest

 

 
 
Tore Scuro
ufficio stampa e web
mobile +39 338 7344194 [solo redazioni e agenzie di stampa]
ufficiostampa@teatrocrest.it