La scena dei ragazzi 2019_20

Teatro Scuola > La scena dei ragazzi

 

la stagione 2019_20 al TaTÀ
rassegna in matinée per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado

promossa da Comune di Taranto e Teatro Pubblico Pugliese
in collaborazione con CREST

 
 
11 e 12 novembre 2019, ore 10.30
Crest
CELESTINA E LA LUNA
drammaturgia Damiano Nirchio | regia Damiano Nirchio e Anna de Giorgio | con Anna Moscatelli/Maristella Tanzi e Anna de Giorgio/Amalia Franco | scene Bruno Soriato | costumi Maria Martinese | maschere Amalia Franco | elaborazioni audio video Gianluigi Strafella | illustrazioni video Peppe Frisino | tecnico di scena Nico Pisani | tecnico luci Walter Mirabile | coproduzione Teatri di Bari | in collaborazione con Progetto Senza Piume
 

Celestina è una bambina con un’immaginazione senza confini, sempre persa dietro progetti inverosimili o imprese strampalate. Ma le sue doti così speciali le costano tanta solitudine e gli sfottò anche pesanti degli altri ragazzini. Unica amica possibile, e necessaria, è Amie, un’amica immaginaria che da tempo la affianca in ogni impresa. L’ultima fissazione della nostra eroina è… la Luna: mesi di calcoli e coloratissimi progetti dimostrano che lo spazio è a portata di mano e andare sulla luna un gioco da ragazzi. Anzi… da ragazze!

dai 6 ai 10 anni | teatro d’attore, danza, maschere, ombre | durata 55 min
 


 
27 novembre 2019, ore 10.30
Crest
LA BOTTEGA DEI GIOCATTOLI

testo e regia Sandra Novellino e Delia De Marco | con Delia De Marco, Giuseppe Marzio, Sara Pagliaro | voci registrate Anna Ferruzzo e Giovanni Guarino | scene costumi e disegno luci Maria Pascale | musiche originali Mirko Lodedo | tecnico di scena Walter Mirabile

 

La storia accade in una bottega di giocattoli, e le botteghe di giocattoli non sono forse delle città nelle quali i giocattoli vivono come delle persone? O meglio, le città non sono forse delle botteghe di giocattoli nelle quali le persone vivono come dei giocattoli? C’è sempre una bambola più bella e c’è la bambola invidiosa, un orsacchiotto che si innamora e un soldatino geloso, una mamma cattiva e una buona fata, giostre e macchinine che non si stancano di girare. Una città solitamente notturna, perché vive nel profondo dei sentimenti. Non solo infantili.

dai 4 agli 8 anni | teatro d’attore e danza | durata 55 min
 


 
9 e 10 dicembre 2019, ore 10.30
Kuziba
NEL CASTELLO DI BARBABLÚ

regia e drammaturgia Raffaella Giancipoli | con Livio Berardi, Rossana Farinati, Annabella Tedone | video animazioni Beatrice Mazzone | disegno luci Tea Primiterra | scene Bruno Soriato | Consapevolezza Attraverso il Movimento – metodo Feldenkrais Rossana Farinati | con il sostegno di sistemaGaribaldi, Regione Puglia | residenze artistiche Straligut Teatro, Trac_Centro di residenza teatrale pugliese Crest – TaTÀ di Taranto | si ringrazia MAT Teatro, Teatri di Bari, Biancheria Artistica Primiterra

Nel castello c’è un uomo dalla lunga barba blu, e poi una giovane sposa, una sorella, una madre, due fratelli e un labirinto di corridoi, porte e scale tutto da scoprire. Un viaggio avventuroso dentro ciò che non conosciamo ancora di noi e del mondo che ci circonda, è un percorso dentro la curiosità che ci permette di sfidare le nostre paure e che ci racconta di come a volte la disobbedienza può essere un passaggio importante per diventare grandi. Un viaggio avventuroso dentro ciò che non conosciamo ancora, un percorso dentro la curiosità che ci permette di sfidare le nostre paure e ci racconta di come a volte la disobbedienza può essere un passaggio importante per diventare grandi.

dai 7 ai 12 anni | teatro d’attore e video animazione | durata 55 min
 


 
30 e 31 gennaio 2020, ore 10.30
Teatro Popolare d’Arte
MARE MOSSO

un progetto di Gianfranco Pedullà | drammaturgia Manuela Critelli | regia Gianfranco Pedullà | con Gianfranco Quero, Gaia Nanni, Vincenzo Infantino, Ananias Dissekuoa | scene Claudio Pini | immagini Vania Pucci e Ines Cattabriga | musiche originali Jonathan Faralli | luci di Marco Falai | costumi di Rosanna Gentili | collaborazione tecnica di Saverio Bartoli |  in coproduzione con Giallo Mare Minimal Teatro / Mibact / Regione Toscana 

Uno spettacolo d’avventura. Si salpa per il Mediterraneo insieme a due pescatori: un padre, lupo di mare che conosce quasi tutti i segreti del mare, e un figlio che sta imparando la nautica e che, insieme alla paura del mare e allo stupore per tutto ciò che contiene, ha una gran voglia di partire. Nel viaggio dei due protagonisti la geografia reale del Mediterraneo si mescola a una geografia fantastica nella quale appaiono Scilla e Cariddi, Cola Pesce, Tifeo, insieme ad altri mostri marini vecchi e nuovi. Antichi miti appariranno quasi nuovi durante la navigazione, quando si solcheranno le acque calme o quando il mare mosso farà provare la tempesta, quando si pescheranno le cose più strane, o quando uno stormo di gabbiani passerà sulla testa dei naviganti.

dai 7 ai 12 anni | teatro d’attore | durata 50 min
 


 
5 e 6 febbraio 2020, ore 10.30
Associazione Sosta Palmizi / I Nuovi Scalzi
COSTELLAZIONI. PRONTI, PARTENZA… SPAZIO!

una creazione di Savino Italiano, Olga Mascolo, Anna Moscatelli e Giorgio Rossi | ideazione coreografica e direzione artistica Giorgio Rossi | interpreti Savino Italiano, Olga Mascolo e Anna Moscatelli | disegno luci Andrea Margarolo | esecuzione tecnica Piermarco Lunghi e Tea Primiterra | con il sostegno di Armunia (Castiglioncello – LI), sistemaGaribaldi (Bisceglie – BAT), Azioni in Danza (Barletta – BAT) | spettacolo vincitore Premio speciale giuria Festival international de Théâtre de Mont-Laurie – Canada 2019

Fra pianeti e corpi celesti potremo vivere la danza delle costellazioni: punti luminosi nel cielo, punti di vista differenti uniti nello sguardo di chi li osserva. La prospettiva, la relatività, le dimensioni del tempo e dello spazio, le qualità della materia, i movimenti dei corpi, la luce: tutto è presente attraverso il gioco, la danza e l’immaginazione di chi è capace di vedere oltre i limiti dello sguardo, sapendo che la Terra e tutti noi facciamo parte del grande Spettacolo dell’Universo. E, per continuare a danzare insieme al nostro piccolo Mondo, è importante averne cura.

dai 5 ai 10 anni| teatro d’attore e danza | durata 47 min
 


 
10 e 11 febbraio 2020, ore 10.30
Teatro delle Briciole
TERRY

uno spettacolo di Davide Giordano | con Davide Giordano e Luca Mannocci | collaborazione artistica Riccardo Reina

 
 
 
Terry ha i capelli arruffati di colore marrone, gli occhi grandi e la faccia “da bravo ragazzo”. Viene da una famiglia “normale” e va molto bene in tutte le materie, soprattutto in geografia. È considerato intelligente, divertente e gentile: a scuola è molto popolare. Di solito piace alle persone, perché sa sempre come comportarsi, in ogni situazione. Per esempio, sa bene come ci si deve comportare con gli adulti, e con i ragazzi. “… con gli adulti in un modo, e con i compagni in un altro determinato modo …”. Sulla classe ha un ascendente forte: sono in molti a pensarla come lui, a voler essere un po’ come lui. “Terry” è la storia di un ragazzo normale che in molti definirebbero un bullo.

dagli 11 anni | teatro d’attore interattivo | durata 60 min
 


 
17 e 18 febbraio 2020, ore 10.30
La Piccionaia / Babilonia Teatri
HO UN LUPO NELLA PANCIA

testo e regia Valeria Raimondi e Enrico Castellani | parole Enrico Castellani | con Carlo Presotto, Matteo Balbo e Stefano Capasso | scene, costumi e registrazioni audio Babilonia Teatri

 
 

Una fiaba moderna che porta all’estremo e oltre il limite del verosimile atteggiamenti, situazioni e tensioni proprie della relazione col cibo per arrivare a trattare metaforicamente di questioni che ci riguardano da vicino. La storia di Bianco – un bambino come tanti se non per il fatto che non mangia mai – si fa così archetipo del bisogno di ogni bambino di trovare nel cibo non solo la possibilità di nutrirsi, ma un’occasione per ricevere cura e attenzione: amore. L’impianto scenico dell’allestimento ricrea i luoghi di una quotidianità familiare al cui interno il piano del racconto e il piano dell’azione trovano una sintesi che li lega assieme come gli ingredienti di una ricetta ben riuscita.

dai 5 ai 10 anni | teatro d’attore | durata 55 min
 


 
2 e 3 marzo 2020, ore 10.30
Quintoequilibrio / Teatro Evento
(UNA) REGINA

da un’idea di Stefania Ventura | di e con Stefania Ventura e Gisella Vitrano | scena e luci Petra Trombini | suoni Francesco Vitaliti | con il sostegno di Teatro Biondo e Spazio Franco – Palermo | spettacolo finalista Premio Scenario Infanzia 2017

 
 

In un giorno di pioggia non si può uscire. La parata della banda è annullata. Due sorelle, con gli strumenti luccicanti ancora in mano, guardano fuori dalla finestra. Per combattere la noia si inventeranno una incredibile fiaba che le trasporterà indietro nel tempo, quando c’erano vecchie governanti stanche di regnare e fanciulle ubbidienti, il cui destino era scritto nel nome con cui nascevano. Quanto coraggio ci vuole per ribellarsi a un destino che ci sta stretto per dare ascolto al nostro talento più profondo? E cosa succederebbe se, per amore di chi ha scelto per noi, non riuscissimo a dire di no?

dai 6 ai 10 anni | teatro d’attore | durata 47 min
 


 

5 e 6 marzo 2020, ore 10.30
Crest
ULISSE. NESSUNO È PERFETTO

testo Paolo Gubello e Salvatore Marci | regia Salvatore Marci | con Nicola Conversano, Simonetta Damato, Salvatore Marci, Giuseppe Marzio | scene Bruno Soriato | costumi Maria Pascale | video animazioni Nicola Sammarco | durata 55 min

 
 

«Papà, sei il mio eroe!». Non c’è bambino che non onori di così elevato riconoscimento il proprio padre, eleggendolo campione di forza e bellezza, esempio con cui identificarsi. Un esempio da tramandare. O da tradire. Con il quale fare i conti comunque e sempre, tanto più quando, varcata l’adolescenza, lo sguardo di fanciullo cede l’incanto, l’innocenza e le favole non bastano più ad alimentare il mito. E se tuo padre è un eroe vero, uno che l’eroe lo fa per mestiere? Se per di più porta il nome altisonante di Ulisse, re di Itaca e tu, neanche a dirlo, sei Telemaco… Quante imprese dovrai ancora aspettare prima di poterlo riabbracciare? In che misura la narrazione dello straordinario (l’eroe e le sue gesta) può sostituire il rapporto concreto tra padre e figlio?

dai 12 anni | teatro d’attore | durata 55 min
 


 
9 e 10 marzo 2020, ore 10.30
Drammatico Vegetale – Ravenna Teatro
LEO, UNO SGUARDO BAMBINO SUL MONDO

scritto e diretto da Pietro Fenati | con Camilla Lopez ed Elena Pelliccioni | musiche originali Matteo Ramon Arevalos | voce Brando Carrella | cura dei movimenti Alessandro Bedosti | cavallo di legno Danilo Maniscalco | luci e suono Alessandro Bonoli | scene virtuali Ezio Antonelli

 

Il mondo visto e interpretato con gli occhi curiosi di un bambino che diventa uomo e continua ad avere lo stesso sguardo bambino alla ricerca di ciò che non conosce, sempre con la voglia insaziabile di capire come la vita stessa funziona; dove non arriva l’osservazione della natura e dei fatti della vita, arriva l’immaginazione. Immaginare il futuro con gli occhi del bambino è dilatare il presente, perché il solo fatto di vedere l’immagine di qualcosa che non c’è ancora, vuol dire averla già creata. Leo alle prese col mondo; Leo in ginocchio sulla sabbia lambita dalle onde del mare osserva; Leo sdraiato in un prato che guarda il cielo; Leo cammina sul prato e guarda il cielo poi si ferma; Leo accanto al fuoco del camino di casa. Gioco, scienza, arte si inseguono e modellano l’uomo moderno.

dai 5 ai 10 anni | teatro corporeo e visivo | durata 45 min


 
26 e 27 marzo 2020, ore 10.30
Crest
COME IL BRUTTO ANATROCCOLO

da Hans Christian Andersen | testo e regia Sandra Novellino e Delia De Marco | con Alessandra Ardito, Delia De Marco, Paolo Gubello, Giuseppe Marzio | scenotecnica e luci Michelangelo Campanale | costumi Maria Pascale | cura del movimento Valentina Elia | musiche originali Mirko Lodedo | consulenza artistica Giovanni Guarino | aiuto regia Antonella Ruggiero | assistente di produzione Jlenia Mancino | tecnico luci Vito Marra

Un anatroccolo, nato più grosso e più alto dei suoi fratelli, accetta il suo destino di BRUTTO, senza nascondersi, ed anzi lascia le ali protettrici di mamma anatra per il suo solitario viaggio di conoscenza del mondo e dei suoi abitanti. Nel suo cammino non si arrenderà mai alle regole e alla superbia altrui, ed ogni volta riprenderà il viaggio, sopportando il vento ed il ghiaccio, accettando spintoni e insulti. Crescerà e imparerà a riconoscere e ad amare ciò che appartiene alla sua natura, come l’acqua e il volo. Si scoprirà cigno e, per la prima volta, non avrà paura ma pudore. Proprio come un bambino quando si scopre ragazzo.

dai 3 agli 8 anni | teatro d’attore | durata 50 min
 


 
24 e 25 marzo 2020, ore 10.30
Fontemaggiore
SOGNO

da “Sogno di una notte di Mezza Estate” di William Shakespeare | drammaturgia Daniele Aureli, Enrico De Meo, Greta Oldoni, Valentina Renzulli, Beatrice Ripoli | ideazione e regia Beatrice Ripoli | con Daniele Aureli, Enrico De Meo, Greta Oldoni, Valentina Renzulli | maschere a cura di Beatrice Ripoli | luci Pino Bernabei e Luigi Proietti

 

Il re e la regina delle fate, Oberon e Titania, litigano come al solito e portano scompiglio nella vita pacifica del bosco. Puck e Fiordipisello, fedeli servitori dei regnanti, vivono l’incanto della scoperta dell’amore e, loro malgrado, vengono coinvolti nel litigio dei sovrani. Grazie al potere magico di un fiore fatato, la pace sta per essere ristabilita, quando l’improvviso sopraggiungere nel bosco di due coppie di esseri umani, distrae gli esseri magici dalle loro faccende. Dopo qualche “errore” di Puck, che complica ancor più l’intricata vicenda, l’amore torna a trionfare nel cuore di tutti e l’armonia a regnare nel bosco.

dai 7 ai 13 anni | teatro d’attore | durata 55 min
 


 
30 e 31 marzo 2020, ore 10.30
Giallo Mare Minimal Teatro
LA REGINA DELLE NEVI. BATTAGLIA FINALE

liberamente tratto da “La Regina delle Nevi” di H.C. Andersen | di Renzo Boldrini e Michelangelo Campanale | regia, scene, luci, disegni di scena e scelte musicali Michelangelo Campanale | con Alice Bachi | costumi e voce della Nonna Maria Pascale | assistente alla regia Annarita De Michele | registrazioni audio Michelangelo Volpe/Roberto Bonfanti | video Studio Leandro Summo | esecuzione video Ines Cattabriga | direzione tecnica Roberto Bonfanti | lavori scenotecnica Simone Gasparri

La Regina delle Nevi ha come protagoniste la Regina, che strega gli umani togliendo loro memoria e di sentimenti, e Gerda, una bambina che affronta mille peripezie per liberare il suo amico Kay, prigioniero della sovrana. In questo sfondo s’innesta la storia di Margherita, una ragazza che da bambina, con il suo amico Giacomo, ascoltava la favola della Regina dalla voce della nonna. Grazie ad un sogno, ormai grande, torna nella casa della nonna dove affronta e supera le sue paure e, sconfiggendo la Regina delle Nevi, diventa finalmente davvero “grande”.

dai 5 ai 10 anni | teatro d’attore e immagini | durata 55 min
 


 
2 e 3 aprile 2020, ore 10.30
La Luna nel Pozzo
L’ISOLA… DOVE LA PLASTICA PRENDE VITA

testi Daria Paoletta | interpreti Pia Wachter, Daria Paoletta, Mirko Lodedo | musiche originali eseguite dal vivo Mirko Lodedo | disegno luci Vito Stefano

 
 

Mare, cielo e plastica sono i protagonisti di una storia moderna che pare inventata, ma non lo è. Infatti, lo spettacolo racconta la storia della “Great Pacific Garbage Patch”, l’isola di spazzatura che galleggia nell’oceano pacifico settentrionale. Una voce di bambina narra il viaggio di una busta di plastica mossa dal vento che vola fino all’Isola dove incontra oggetti che attraverso le due attrici-animatrici e il musicista prendono vita. Tutto il mondo di questo spettacolo – personaggi, paesaggio e strumenti musicali – è composto da oggetti di uso comune che riempiono le nostre giornate e i nostri sacchetti dell’immondizia: tappi, bottiglie, tinozze…

dai 5 ai 10 anni | teatro d’attore e di figura | durata 50 min
 


 
biancaneve-la-vera-storia-ph-tea-primiterra-0621 aprile 2020, ore 10.30
Crest
BIANCANEVE, LA VERA STORIA

scene luci testo e regia Michelangelo Campanale | con Catia Caramia, Maria Pascale/Antonella Ruggiero, Luigi Tagliente | costumi Maria Pascale | assistente alla regia Serena Tondo | assistente di produzione Sandra Novellino | tecnici di scena Walter Mirabile e Roberto Cupertino | premio Eolo Award 2018 come migliore spettacolo di teatro ragazzi dell’ anno e premio Padova 2017 – Amici di Emanuele Luzzati (XXXVI Festival Nazionale del Teatro per i Ragazzi)

L’ultimo dei sette nani diventa testimone dell’arrivo di una bambina coraggiosa, che preferisce la protezione del bosco sconosciuto allo sguardo, conosciuto ma cupo, di sua madre. Una madre che diventa matrigna, perché bruciata dall’invidia per la bellezza di una figlia che la vita chiama naturalmente a fiorire. Nel bosco Biancaneve aspetta come le pietre preziose che, pazienti, restano nel fondo delle miniere, fino a quando un giorno saranno portate alla luce e potranno risplendere di luce propria ai raggi del sole.

dai 7 ai 12 anni | teatro d’attore | durata 55 min
 


 
29 e 30 aprile 2020, ore 10.30
Compagnia Granteatrino
BRUNO LO ZOZZO E GLI AMICI IMMAGINARI

regia Francesco Tammacco | con Anna Chiara Castellano Visaggi e Valentina Vecchio | pupazzi e scene Lucrezia Tritone e Anna Chiara Castellano Visaggi | musiche originali Pantaleo Annese

 
 

Lo spettacolo è liberamente tratto dalle avventure dell’omonimo personaggio, nato dalla fantasia dell’illustratore Simone Frasca. Ai bambini, si sa, non piace più di tanto lavarsi. Meglio giocare, e poi, se ci si deve sporcare di nuovo, a che serve insaponarsi? Bruno, bambino un po’ monello, ha però un amico invisibile: il maialino Giovanni, che salverà tutti da un terribile e grottesco mostro affamato. Lo spettacolo gioca con l’idea della trasformazione, il passaggio dallo sporco al pulito diviene così metafora della crescita lenta e giocosa.

dai 3 agli 8 anni | teatro d’ombre e pupazzi | durata 60 min
 


 

La scena dei ragazzi 2019_20

informazioni e prenotazioni:
ufficio scuola CREST | via Grazia Deledda snc, 74123 Taranto
Cinzia Sartini (responsabile) | mail cinziasartini@teatrocrest.it
tel 099 4725780 (interno 3) | mobile 328 0010900 | fax 099 4725811

 
 

seguici sui social

#teatrocrest.it

 

 
 
Tore Scuro
ufficio stampa
mobile +39 3387344194 [solo redazioni e agenzie di stampa]
ufficiostampa@teatrocrest.it