Scena futura, le matinée scolastiche

La scuola in platea. Avrà inizio a dicembre l’edizione 2017-18 di “Scena futura”, un progetto del Crest riservato agli studenti degli Istituti Superiori di Taranto e provincia. Cinque gli spettacoli in programmazione al TaTÀ, in via Deledda ai Tamburi: 15 dicembre, Compagnia Òyes con “Vania”, da Cechov, ideazione e regia Stefano Cordella, drammaturgia collettiva, con Vanessa Korn, Francesca Gemma, Umberto Terruso, Fabio Zulli;  29 e 30 gennaio, CarMa con “1861. La brutale verità”, tratto dall’omonimo libro di Michele Carilli, regia Michele Carilli e Lorenzo Praticò, con Gabriele Profazio (narratore), Marinella Rodà (voce e percussioni), Alessandro Calcaramo (chitarra e bouzouki), Mario Lo Cascio (chitarra e percussioni); 22 febbraio, Factory Compagnia Transadriatica con “Il Misantropo” di Molière, traduzione e adattamento Francesco Niccolini, regia Tonio De Nitto, con Ippolito Chiarello e Angela De Gaetano e con Sara Bevilacqua, Dario Cadei, Ilaria Carlucci, Franco Ferrante, Luca Pastore, Fabio Tinella; 2 marzo, Nasca Teatri di Terra/Tra il dire e il fare con “Club 27”, testi Francesco Niccolini, regia Michelangelo Campanale e Ippolito Chiarello, con Ippolito Chiarello; 20 aprile, Compagnia del Sole con “L’universo è un materasso” di Francesco Niccolini, regia e interpretazione Flavio Albanese. Sipario alle ore 10.30. Informazioni e prenotazioni (aperte): ufficio scuola Crest, responsabile Cinzia Sartini – cinziasartini@teatrocrest.it – tel. 099.4725780 (interno 3) – fax 099.4725811.